Alte vie ed anelli

Il modo migliore di vivere e scoprire queste meravigliose montagne è percorrere una delle fantastiche Alte Vie oppure uno degli anelli panoramici delle Dolomiti.
Percorrere uno degli otto percorsi dell’Alta Via delle Dolomiti o uno degli itinerari ad anello è il modo più bello di vivere le Dolomiti Patrimonio UNESCO: restare in quota diversi giorni, fino a 2.500 metri di altitudine, permette di vivere sensazioni che durante le normali escursioni di un giorno non si riescono a godere. Vedere in lontananza il rifugio, essere completamente immersi nella natura e nel silenzio ricco di emozioni e suoni naturali, incontrare persone lungo il cammino e ammirare un paesaggio senza eguali, sono esperienze uniche che si possono vivere solo percorrendo un itinerario di alta montagna. (fonte infodolomiti.it)

L’Alta Via delle Dolomiti n. 1 si snoda lungo un percorso di circa 125 km, costituito da 12 tappe, che collega il Lago di Braies (BZ) con Belluno.

L’Alta Via delle Dolomiti n. 2 si snoda lungo un percorso di circa 180 km, costituito da 13 tappe, che collega Bressanone (BZ) a Feltre (BL).

L'Alta Via delle Dolomiti n. 3 si snoda lungo un percorso di circa 100 Km, costituito da 8 tappe, che collega Villabassa ,in Val Pusteria (BZ), a Longarone (BL).

L'Alta Via delle Dolomiti n. 4 si snoda lungo un percorso di circa 85 Km, costituito da 6 tappe, che collega San Candido, in Val Pusteria (BZ), a Pieve di Cadore (BL). 

L'Alta Via delle Dolomiti n. 5 si snoda lungo un percorso di circa 90 Km, costituito da 7 tappe, che collega Sesto Pusteria (BZ) a Pieve di Cadore (BL).

L’Alta Via delle Dolomiti n.6 si snoda lungo un percorso di circa 180 km, costituito da 11 tappe, che collega Sappada (BL) a Vittorio Veneto (TV).

Palaronda Soft Trek è una proposta rivolta a tutti coloro che vogliono trascorrere alcuni giorni in un ambiente di straordinaria bellezza sulle Pale di San Martino, nel cuore delle Dolomiti.

Un doppio tour per gli appassionati di grandi trekking! E' il nuovo itinerario escursionistico, con percorso ad anello, disegnato tutto intorno al massiccio montuoso del Brenta, la parte occidentale delle Dolomiti UNESCO.

La “Via Transalpina” è un percorso escursionistico dal fascino unico e particolare che si sviluppa su quasi 750km di cammino.
Partendo da Oberstdorf, in Germania, attraversando il Tirolo, la Via Transalpina penetra nel magnifico scenario Dolomitico, per andare poi a “tuffarsi” nel suggestivo mare di Trieste.

Il Trekking ad anello da rifugio a rifugio nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, dal 2009 patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Lo scenario paesaggistico che si ammira per 360° dal punto più alto dell’itinerario, corrispondente alla cima del Piccolo Lagazuoi, è tra i più suggestivi e completi dell’intera area dolomitica.

Con la massiccia e grandiosa costruzione di roccia compatta, visibile da nord e la curiosa struttura a “seggiola” chiamata “Caregon del Padreterno” a sud, il Pelmo si pone maestosamente al centro di tre diverse vallate. 

Il percorso è stato proposto dalla locale Sezione del CAI di Valcomelico, per i particolari interessi naturalistici, storici e paesaggistici che offre, per il tragitto abbastanza semplice e remunerativo e per la sua comodità di accesso.

L’Anello del Vescovà permette di apprezzare tutta la straordinaria ricchezza ambientale delle Dolomiti meridionali, ne riassume con grande efficacia le peculiarità geologico-geomorfologiche, faunistiche, floristico-vegetazionali e paesaggistiche.

Il percorso ad anello attorno al Gruppo della Civetta ben si presta proprio per le sue caratteristiche paesaggistiche, geomorfologiche e storico/alpinistiche a rappresentare questo grande massiccio montuoso situato tra la valle del Cordevole nell’Agordino e quella del Maè nello Zoldano.

L’Anello Busa delle Vette, appartenente al Gruppo 3 dei siti riconosciuti patrimonio universale dall’UNESCO, permette di apprezzare tutta la straordinaria ricchezza ambientale delle Dolomiti meridionali.